EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


MESSAGGIO DALL'AUTORE
Sai che puoi iscriverti anche alla newsletter e ricevere le novità direttamente nella tua email? Iscriviti adesso, riceverai solo gli aggiornamenti e niente SPAM. Il tuo indirizzo, inoltre, non sarà condiviso con nessuno.

Come nascono le mie formule?

Molte persone mi hanno chiesto come faccio a realizzare le mie formule, ecco un articolo per spiegarlo. Innanzitutto è necessaria una buona conoscenza delle funzioni di Excel, ovviamente, cosa che si può comunque parzialmente ovviare usando lo strumento che offre Excel per la ricerca delle funzioni (il tasto Fx posto accanto alla barra delle formule); questo strumento infatti permette di esplorare le funzioni suddivise per categoria e cercare quella che più si adatta alle nostre necessità.

Elenco delle formule disponibili in Excel

Questo però, in realtà, è il secondo passaggio. Il primo è l’analisi del problema.

Il pensiero computazionale

E’ da diversi anni che si parla di “Pensiero computazionale”, cos’è? Cosa ha a che fare con Excel? Non voglio star qui a fare un trattato su questo ma cercare di spiegare in breve cosa sia; è un processo mentale che si suddivide in più processi e che permette di arrivare alla soluzione di un problema attraverso

  1. Formulazione del problema (astrazione);
  2. Espressione della soluzione (automazione);
  3. Esecuzione della soluzione e valutazione della stessa (analisi).

Questa quantomeno è la definizione che da Wikipedia, tuttavia possiamo anche definirlo con

  1. Analisi del problema
  2. Suddivisione del macro problema in sotto problemi più piccoli
  3. Soluzione dei singoli problemi
  4. Soluzione del macro problema
  5. Attuazione della soluzione
  6. Verifica
    • Se necessario tornare al punto uno
  7. Astrazione della soluzione

In questo modo imparo ogni volta una nuova strada e, quando ne trovo una efficiente, la riapplico a problemi simili.

Applichiamo il processo ad Excel

In Excel non bisogna far altro che partire dal problema, fissare qual’è il risultato che vogliamo ottenere, suddividere il problema nelle piccole parti che ci porteranno alla soluzione. Fatto per la prima riga proviamo ad estendere la formula realizzata a tutte le altre, se tutto funziona correttamente bene, se così non è cerchiamo di risolvere i problemi che si presentano uno alla volta e, ogni volta, applichiamo la nuova formula per controllare che si adatti a tutte le possibili variazioni del problema iniziale.

Quando poi la soluzione non la si può ottenere con le funzioni allora bisogna passare alla scrittura di codice VBA (la famose macro).

Se la cosa vi interessa sono disposto ad approfondire, fatemelo sapere!

A presto

Seguimi

Resta aggiornato!

gianfranco

Appassionato di informatica, fotografia e di tecnologia in generale. Esperto nell'uso di Excel e con tanta voglia di condividere le sue conoscenza con il mondo, sempre pronto a dare una mano (ma non più di due volte, altrimenti rimango senza).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


MESSAGGIO DALL'AUTORE
Sai che puoi iscriverti anche alla newsletter e ricevere le novità direttamente nella tua email? Iscriviti adesso, riceverai solo gli aggiornamenti e niente SPAM. Il tuo indirizzo, inoltre, non sarà condiviso con nessuno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: