EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Scoperto un nuovo malware per Office 365

nuovo malware per office 365

Credits: WikiMedia

Nei giorni scorsi la società di sicurezza Check Point ha segnalato la presenza di un nuovo malware di tipo Ransomware per Office 365. Benché non riguardi prettamente Excel ma tutto il mondo di Office 365 voglio comunque mettervi in guardia.

Come funziona

L’infezione arriva tramite una normale email in cui si chiede di aprire un allegato (un file Excel, Powerpoint, Word, etc), appena si cerca di aprirlo un avviso comunica che serve aggiornare la propria versione di Office per poter leggere il documento.

A questo punto scatta l’infezione, i documenti presenti sul proprio PC vengono criptati e “presi in ostaggio”. Per poterli leggere nuovamente sarà necessario pagare una cifra di qualche centinaio di dollari australiani entro un determinato lasso di tempo.

Check Point suggerisce, come sempre, di avviare una scansione antivirus di ogni allegato che si riceve prima di aprirlo, e ovviamente l’antivirus deve essere aggiornato per poter essere efficace. Vi consiglio inoltre di tenere sempre una o più copie di backup dei vostri file più importanti su un’unità (un disco esterno va benissimo) che non deve essere sempre attaccata al PC ma solo per il tempo necessario al salvataggio dei dati, altrimenti il rischio è che anche questa venga infettata.

Prestate dunque attenzione ai documenti che ricevete, se non conoscete il mittente non fatevi prendere dalla curiosità, cestinate immediatamente il messaggio senza aprire link o documenti, questa regola vale sempre.


MESSAGGIO DALL'AUTORE
Sai che puoi iscriverti anche alla newsletter e ricevere le novità direttamente nella tua email? Iscriviti adesso, riceverai solo gli aggiornamenti e niente SPAM. Il tuo indirizzo, inoltre, non sarà condiviso con nessuno.

gianfranco

Appassionato di informatica, fotografia e di tecnologia in generale. Esperto nell'uso di Excel e con tanta voglia di condividere le sue conoscenza con il mondo, sempre pronto a dare una mano (ma non più di due volte, altrimenti rimango senza).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: