La funzione SCARTO

Tornati dalle vacanze e belli carichi ricominciamo con il ciclo di articoli sull’uso di Excel.

Oggi vi parlerò della funzione SCARTO che è tanto sconosciuta ai più quanto utile nel creare formule complesse che possano essere davvero dinamiche, anche nei riferimenti.

Cosa fa questa funzione? Bhè, semplicemente ritorna un insieme di celle (da 1 a N) sulle quali possiamo effettuare tutte le operazioni che normalmente faremmo con le solite formule partendo da una cella da noi indicata e spostandosi di x righe e x colonne.

Iniziamo a vedere quali sono i parametri richiesti da questa funzione:

=SCARTO(riferimento;righe;colonne;[altezza];[larghezza])

  • riferimento: la cella dalla quale inizierà ad operare la funzione SCARTO
  • righe: indica di quante righe si dovrà spostare la funzione rispetto alla cella riferimento
  • colonne: indica di quante colonne si dovrà spostare la funzione rispetto alla cella riferimento
  • [altezza]: opzionale, indica quante righe dovrà ritornare la funzione rispetto al punto in cui si trova dopo essersi spostata di x righe e colonne
  • [larghezza]: opzionale, indica quante colonne dovrà ritornare la funzione
    rispetto al punto in cui si trova dopo essersi spostata di x righe e
    colonne

Come sempre la spiegazione sembra più difficile di quanto sembra, vediamo dunque graficamente come si presenta

=SCARTO(A1;3;3;2;2)

Possiamo leggere questa formula come: partendo dalla cella A1, scendi di 3 righe quindi spostati di 3 colonne e restituiscimi un riferimento di 2 righe per 2 colonne.

Nel nostro caso il risultato sarebbe stato {38;32;10;13}

Ora è più semplice? Nei prossimi articoli vedremo come ci può tornare utile questa funzione insieme ad altre per costruire fogli veramente dinamici.

A presto


MESSAGGIO DALL'AUTORE
Hai trovato questo blog utile o interessante? Lascia una tua opinione sul guestbook per farmi sapere cosa ne pensi e come possa migliorarlo.

gianfranco

Appassionato di informatica, fotografia e di tecnologia in generale. Esperto nell'uso di Excel e con tanta voglia di condividere le sue conoscenza con il mondo, sempre pronto a dare una mano (ma non più di due volte, altrimenti rimango senza).

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 5 Giugno 2015

    […] fa questa formula? Come vedete usa la funzione SCARTO per creare un intervallo dinamico, parte dalla cella A1, si sposta in basso di una riga (per non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: